Discussione:
Dessi, "La Trincea"
Aggiungi Risposta
Luca Morandini
2017-07-12 07:56:58 UTC
Rispondi
Permalink
Raw Message
L'altro giorno, su Youtube, ho visto lo scenagiato "La trincea" (basato su di un
racconto di G.Dessi [1]); lo sceneggiato non e' male, ma l'utilizzo di tattiche di
infiltrazione nel '15 mi suona strano: qualcuno puo' togliermi il dubbio sul loro
utilizzo negli attacchi della Brigata Sassari?

Saluti,

[1] https://it.wikipedia.org/wiki/La_trincea_(sceneggiato_televisivo)

Luca Morandini
Emanuela Cyb
2017-09-16 14:25:31 UTC
Rispondi
Permalink
Raw Message
Post by Luca Morandini
L'altro giorno, su Youtube, ho visto lo scenagiato "La trincea" (basato su di un
racconto di G.Dessi [1]); lo sceneggiato non e' male, ma l'utilizzo di tattiche di
infiltrazione nel '15 mi suona strano: qualcuno puo' togliermi il dubbio sul loro
utilizzo negli attacchi della Brigata Sassari?
Saluti,
[1] https://it.wikipedia.org/wiki/La_trincea_(sceneggiato_televisivo)
Luca Morandini
Ciao, ti riferisci alle tattiche di infiltrazione in trincea con gli attacchi a sorpresa? Ti riporto dei dettagli dal libro Storia della Brigata Sassari di Giuseppina Fois, che puoi trovare sul sito dell'Uni di Sassari scansionato integralmente. I nostri si trovavano spesso ad affrontare il problema del deficit bellico italiano rispetto al nemico che contava su una artiglieria ben più possente e, se vogliamo, anche su una organizzazione diversa. Dove non riuscivano ad arrivare i nostri proiettili bisognava andare all'assalto e per questo venivano selezionati piccoli gruppi di fanti scelti. Di solito era il comandante del battaglione che sceglieva gli incursori e si finiva sempre con lo scegliere lo stesso gruppo piuttosto che formarne ogni volta uno diverso. Le incursioni portavano i sassarini al filo spinato che andava eliminato per riuscire a far passare agevolmente il grosso della fanteria che subentrava dopo di loro nell'ondata di attacco. Altrimenti si compivano opere di sabotaggio, posavano i tubi di gelatina oppure ricognizione per raccolta di informazioni o semplicemente guerra di nervi, per disturbare il nemico e non fargli mai abbassare la guardia.

Spero di esserti stata utile, ciao
Luca Morandini
2017-09-17 06:52:26 UTC
Rispondi
Permalink
Raw Message
Post by Emanuela Cyb
Ciao, ti riferisci alle tattiche di infiltrazione in trincea con gli attacchi a
sorpresa?
Si'.
Post by Emanuela Cyb
Ti riporto dei dettagli dal libro Storia della Brigata Sassari di Giuseppina
Fois, che puoi trovare sul sito dell'Uni di Sassari scansionato integralmente.
I nostri si trovavano spesso ad affrontare il problema del deficit bellico
...
Post by Emanuela Cyb
nell'ondata di attacco. Altrimenti si compivano opere di sabotaggio, posavano i
tubi di gelatina oppure ricognizione per raccolta di informazioni o
semplicemente guerra di nervi, per disturbare il nemico e non fargli mai
abbassare la guardia.
Spero di esserti stata utile, ciao
Si', grazie mille,

In definitiva, non tattiche di infiltrazione, bensi' "trench raid" e apertura di
passaggi nel filo spinato prima del solito attacco "ad ondate".

Saluti,

Luca Morandini
Walter Rossi
2017-09-22 08:00:52 UTC
Rispondi
Permalink
Raw Message
Post by Luca Morandini
In definitiva, non tattiche di infiltrazione, bensi' "trench raid" e apertura di
passaggi nel filo spinato prima del solito attacco "ad ondate".
Saluti,
Luca Morandini
Gentilissimo Luca,

Vorrei ricordarti anche il bellissimo libro di Perrini Mario "La Trincea delle Frasche"Storia e itinerari alla riscoperta del mito della Sassari, Ed. Gaspari 2007.
Saluti

Walter

Loading...