Discussione:
operazione Catapult
(troppo vecchio per rispondere)
Mik
2018-01-20 12:29:42 UTC
Permalink
Torno ancora sull'argomento dell'attacco al porto francese, di cui si era parlato tempo fa.

Leggendo un po' (Wikipedia) mi è sorta la domanda!

Possibile che l' Italia non abbia approfittato della situazione?

La flotta inglese che si muove per attaccare l'ex alleato e il nostro ex nemico, noi che sappiamo dove va e dove si ferma, e nemmeno un nostro sommergibile in agguato?
Per gli aerei dalla Sardegna era troppo distante?
C'era il timore per la presenza della portaerei?

Poteva essere anche l'occasione per redimersi dalla "pugnalata alle spalle"!

L'ennesima prova della nostra impreparazione?

un saluto a tutti
Mik
sabutai
2018-01-20 18:44:48 UTC
Permalink
Post by Mik
L'ennesima prova della nostra impreparazione?
un saluto a tutti
Mik
"noi che sappiamo dove va" Sicuro che lo sapevamo? Poi la flotta britannica veniva da Gibilterra e da Mers El Kebir a Caglari ci sono 1000 km...
Mik
2018-01-22 12:50:21 UTC
Permalink
Post by sabutai
Post by Mik
L'ennesima prova della nostra impreparazione?
un saluto a tutti
Mik
"noi che sappiamo dove va" Sicuro che lo sapevamo? Poi la flotta britannica veniva da Gibilterra e da Mers El Kebir a Caglari ci sono 1000 km...
OK non siamo sicuri di "dove va"!
Ma avremo qualcuno dalla parte spagnola di Gibilterra con un binocolo che ci avvisa: "qui si stanno muovendo tutti!"
La Francia si e arresa e avremo dovremmo sapere dove ha le navi?
Non facciamo 2+2?
Bhisma
2018-01-23 14:15:41 UTC
Permalink
Post by Mik
OK non siamo sicuri di "dove va"!
Ma avremo qualcuno dalla parte spagnola di Gibilterra con un binocolo
che ci avvisa: "qui si stanno muovendo tutti!" La Francia si e arresa
e avremo dovremmo sapere dove ha le navi? Non facciamo 2+2?
Non sta lì il punto, io credo.

Sta nell'impostazione strategica della Regia Marina.

Nel piano segreto di guerra del Marzo 1940 Mussolini aveva
lapidariamente decretato: "Mare. Offensiva su tutta la linea, nel
Mediterraneo e fuori."

Ma già Badoglio, nell'Aprile '40 si era sforzato di "reinterpretare" in
senso prudenziale questa direttiva: "nel senso di non gettarsi a testa
bassa contro le flotte inglese e francese, ma di assumere una
dislocazione... atta ad intralciare il traffico degli avversari".

Cavagnari poi, in un promemoria indirzzato al Duce aveva rafforzato la
cosa, evidenziando in modo esplicito i limiti dell'Arma.
In altri termini, la Regia Marina considerava (e per niente a torto, io
direi ) suo primo ed imprescindibile obiettivo assicurare i nostri
rifornimenti, specie in Africa, contrastando per quanto possibile
quelli inglesi ed impedendo il ricongiungimento di francesi ed inglesi.
Concentramento nel Mediterraneo centrale, quindi, e scontri importanti
con forze di superficie avversarie, solo se in condizioni di netta
superiorità.

Può sembrare una "brutta" strategia -- basti pensare che il 14 Giugno
una squadra francese bombardò Genova e Savona senza incontrare
resistenza da parte di nostre unità pesanti -- ma un senso ce l'aveva
eccome.

In questo quadro, le prime iniziative della Regia in quel momento
furono infatti piccoli convogli in Libia: il primo andò liscio, ma il
secondo -- tre caccia carichi di artiglierie e relativo personale
destinati a Tobruk -- non andò tanto bene: vennero sorpresi da
incrociatori inglesi il 27 Giugno e il caccia Espero, rimasto a
copertura degli altri, venne affondato. Un primissimo assaggio di
quella che sarebbe stata poi la difficoltà e la sanguinosità delle
lotte per i convogli libici.

In conclusione, per quanto ne so io, da parte italiana non ci fu il
minimo tentativo di andare allo scontro con la neocostituita forza H,
si sapesse o meno quando partì da Gibilterra e arrivò a Mers el Kebir
il tre luglio, né da parte di Somerville e di Pond nello scambio di
messaggi che predette l'attaco, mi pare si facesse menzione della
minima preoccupazione per un possibile intervento italiano durante
l'operazione Catapult.
Mik
2018-01-24 13:21:45 UTC
Permalink
Post by Bhisma
Post by Mik
OK non siamo sicuri di "dove va"!
Ma avremo qualcuno dalla parte spagnola di Gibilterra con un binocolo
che ci avvisa: "qui si stanno muovendo tutti!" La Francia si e arresa
e avremo dovremmo sapere dove ha le navi? Non facciamo 2+2?
Non sta lì il punto, io credo.
In conclusione, per quanto ne so io, da parte italiana non ci fu il
minimo tentativo di andare allo scontro con la neocostituita forza H,
si sapesse o meno quando partì da Gibilterra e arrivò a Mers el Kebir
il tre luglio, né da parte di Somerville e di Pond nello scambio di
messaggi che predette l'attaco, mi pare si facesse menzione della
minima preoccupazione per un possibile intervento italiano durante
l'operazione Catapult.
è sempre un piacere leggerVi... ;-)

saluti
Mik

Loading...